10:53:55 24 giugno 2017
Home » News » Arriva a Macerata la mostra itinerante “Sulla stessa barca; il mondo del Fumetto incontra i popoli in fuga”

Arriva a Macerata la mostra itinerante “Sulla stessa barca; il mondo del Fumetto incontra i popoli in fuga”

Share Button

01_Locandina_standard_sulla_stessa_barca - Copia-2Fa tappa a Macerata il 31 luglio 2014, all’interno della manifestazione la “Notte dell’Opera”, la mostra itinerante “Sulla stessa barca; il mondo del Fumetto incontra i popoli in fuga”, organizzata dall’associazione culturale Fumettomania Factory di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina).

Le attuali e drammatiche vicende di migrazione e sbarchi di profughi che coinvolgono molti territori italiani, primo tra tutti l’isola di Lampedusa, hanno ispirato fumettisti professionisti e non a realizzare le loro opere basandosi sul tema dell’immigrazione, della solidarietà e dell’accoglienza dei popoli. Le oltre 50 opere realizzate sono state raccolte in un’esposizione collettiva itinerante inaugurata a Barcellona Pozzo di Gotto e successivamente presentate in vari comuni italiani._IGP4187

Le tavole originali saranno messe all’asta ed il ricavato delle vendite opere sarà devoluto per i progetti a favore dei minori stranieri non accompagnati (MISNA) realizzati dall’associazione Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini, organizzazione non governativa costituita da un movimento di famiglie adottive e affidatarie che dal 1986 lavora al fianco dei bambini ospiti negli istituti di tutto il mondo per combattere l’emergenza abbandono.

Il GUS Gruppo Umana Solidarietà ha contribuito all’organizzazione della tappa maceratese della mostra e ha messo a disposizione i supporti delle opere che sono stati realizzati da alcuni dei beneficiari del progetto SPRAR Macerata Accoglie di cui il GUS è ente gestore.

Nell’ambito di un laboratorio di creatività, organizzato con il supporto dell’associazione Les Friches, 15 ragazzi tra i beneficiari del progetto SPRAR Macerata Accoglie, provenienti da diversi paesi tra cui Pakistan, Afghanistan, Somalia, Eritrea, Nigeria, Ghana, Etiopia, sono stati coinvolti nella realizzazione della mostra e hanno dato il loro contributo intagliando, disegnando e dipingendo i pannelli e le cornici che verranno utilizzati come supporti per le opere._IGP4222

Ancora una volta l’arte, attraverso il linguaggio artistico, culturale e la forza comunicativa del fumetto, offre non solo ai rifugiati un’opportunità di intrattenimento e aggregazione, un modo per uscire da una condizione di isolamento e acquisire un senso di gruppo e di appartenenza che incoraggiano il percorso di integrazione, ma anche l’occasione per riflettere sui temi della migrazione e sulle drammatiche condizioni di vita a cui sono costrette migliaia di persone in fuga a causa di sanguinose guerre civili, persecuzioni, violenze e soprusi perpetrate ai loro danni.

Check Also

Stampa

Asylum, dal 20 aprile il sondaggio online su dinamiche migratorie e accoglienza. Stay tuned!

Dal 20 aprile su www.gusitalia.it/asylum se hai meno di 30 anni potrai rispondere ad una serie di domande proposte dal sondaggio online promosso dal GUS nell’ambito del progetto AS.Y.LUM, finanziato nell’ambito del programma Erasmus Plus, che ha l’obiettivo di promuovere una riflessione approfondita sulle dinamiche delle migrazioni.