10:45:02 24 giugno 2017
Home » News » Dall’Argentina al Pakistan passando per l’Italia: i burattini dei Viruta y Sudor incontrano i bambini delle Marche

Dall’Argentina al Pakistan passando per l’Italia: i burattini dei Viruta y Sudor incontrano i bambini delle Marche

Share Button

spettacolo virutaysudor fabriano (1)Il 7 e 8 ottobre il GUS, con il supporto dell’Ambasciata dei Diritti di Jesi, realizzerà nell’ambito dei progetti Sprar “Ancona Provincia d’Asilo” 2014-2016 ed “Emergenza Prefettura” due eventi artistici.

Gli eventi vedranno le performances del gruppo di artisti itinerante argentino “Viruta y Sudor” che si esibirà con uno spettacolo di burattini dal titolo “Un Papero Disorientato” presso le scuole primarie del Plesso Montessori a Chiaravalle e del Plesso Marco Polo a Fabriano.

Oltre 200 bambini marchigiani dagli 8 ai 10 anni saranno coinvolti nelle avventure dei burattini che prima di arrivare nelle Marche hanno girato l’Italia in lungo e in largo, hanno percorso tutta l’Argentina, il sud del Cile e tutte le sue piccole isole, hanno recitato nelle comunità zapatiste del Chiapas, nel sud del Messico, hanno viaggiato per la Spagna e la Francia, hanno ballato al ritmo dei tamburi dell’Africa Occidentale, ne hanno fatte delle belle in Nicaragua, hanno camminato per l’Himalaya, in India, hanno attraversato la Turchia, l’Iran e il Pakistan fino ad arrivare nel deserto del Sahara.

Lo spettacolo di burattini  “Un Papero Disorientato”

Lo spettacolo “Un Papero Disorientato”, che ha debuttato nel 2011 nella cornice del Primo Incontro dei Docenti di Scuola dell’Infanzia dell’Istituto di Formazione e di Perfezionamento Docenti di El Bosón (Patagonia Argentina), è un’opera minimalista, musicata con voci, chitarra, charango, strumenti di percussione e cajón peruviano.papero disorientato 2

L’opera, che vede come protagonisti dei burattini, racconta la storia di una famiglia di paperi che vivono felici in un bel lago. Alcuni turisti scoprono il lago e inizia così la sua urbanizzazione con la costruzione di una piccola grande città. Il papero più grande, preso dalla curiosità, decide di andare a cercare fortuna in città. Lì trova lavoro in un Luna Park nello stand del “tiro al papero” da cui scappa e torna spaventato al lago per sposarsi con la sua fidanzata “Pata Gonia”. Arrivano i musicanti e inizia la festa che dura fino all’alba. Da una scatola di cartone a poco a poco compaiono tutti gli elementi scenografici della storia che termina quando tutto torna al proprio posto.

L’arte come mezzo di comunicazione per introdurre il tema del viaggio e delle migrazioni

Attraverso i burattini e la messa in scena della storia dei paperi e la visualizzazione degli allestimenti scenografici che riproducono il percorso del viaggio dal lago alla città, i bambini vengono introdotti al tema del viaggio e della migrazione e scoprono l’arte come mezzo di comunicazione e tipo di linguaggio senza barriere né limiti di età.

Check Also

Stampa

Asylum, dal 20 aprile il sondaggio online su dinamiche migratorie e accoglienza. Stay tuned!

Dal 20 aprile su www.gusitalia.it/asylum se hai meno di 30 anni potrai rispondere ad una serie di domande proposte dal sondaggio online promosso dal GUS nell’ambito del progetto AS.Y.LUM, finanziato nell’ambito del programma Erasmus Plus, che ha l’obiettivo di promuovere una riflessione approfondita sulle dinamiche delle migrazioni.