22:51:03 25 giugno 2017
Home » News » Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato: meno celebrazioni, più lavoro quotidiano

Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato: meno celebrazioni, più lavoro quotidiano

Share Button

Profughi Serbia

Firenze: tensione tra migranti e polizia dopo la manifestazione di protesta davanti alla prefettura, che avviene dopo la morte di un migrante nell’ex mobilificio Aiazzone di Sesto Fiorentino. Venezia: licenziata una professoressa che sul proprio profilo Facebook pubblicava frasi di odio nei confronti dei migranti, “Speriamo che affoghino tutti… che non se ne salvi nessuno” e via insultando. Sempre nella giornata di ieri, Catania: 554 persone salvate in operazioni di soccorso nel Canale di Sicilia.

Nel frattempo, non molto lontano da qui, migliaia di profughi sono bloccati in Grecia e al confine serbo, al gelo, in campi “informali” senza acqua e servizi igienici, con l’unica risposta del premier nazionalconservatore ungherese Viktor Orban, il quale propone che i migranti, anche quelli che chiedono legittimamente asilo, saranno messi in detenzione.

Firenze_Immigrati

Questa è solo una breve rassegna dei fatti accaduti ieri, alla vigilia della 103a Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato, che si celebra oggi in tutto il mondo cattolico e ha per tema “Migranti minorenni, vulnerabili e senza voce”. Fatti che stridono con questa celebrazione, che si aggiunge ad altre giornate internazionali, ottime occasioni solo per statistiche e buoni propositi.

Noi facciamo la nostra parte, proponendo il nostro modello di accoglienza: un lavoro quotidiano di tutti i nostri operatori, che con fatica e determinazione provano a dare una risposta concreta. Consapevoli che ciò non basta, e non può bastare quando nella pancia del Paese c’è chi specula sui malumori e sulle ferite di un popolo ormai sfibrato.

Urge una risposta. Individuale e collettiva. Che non si esaurisca nei discorsi di una Giornata Mondiale.

Check Also

Stampa

Asylum, dal 20 aprile il sondaggio online su dinamiche migratorie e accoglienza. Stay tuned!

Dal 20 aprile su www.gusitalia.it/asylum se hai meno di 30 anni potrai rispondere ad una serie di domande proposte dal sondaggio online promosso dal GUS nell’ambito del progetto AS.Y.LUM, finanziato nell’ambito del programma Erasmus Plus, che ha l’obiettivo di promuovere una riflessione approfondita sulle dinamiche delle migrazioni.