10:44:51 24 giugno 2017
Home » News » La Casa delle Genti. Il progetto di Servizio Civile del GUS nelle Marche

La Casa delle Genti. Il progetto di Servizio Civile del GUS nelle Marche

Share Button

Casa delle GentiCerchiamo 4 giovani tra i 18 e i 29 anni (non compiuti) per il nostro progetto di Servizio Civile in Italia “La Casa delle Genti”

“ALLEGATO 6”

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

TITOLO DEL PROGETTO: LA CASA DELLE GENTI

Settore e Area di Intervento: A12 Assistenza

OBIETTIVI DEL PROGETTO

FINALITA’ GENERALE
Finalità generale del progetto è aumentare e migliorare a livello locale le condizioni di accoglienza e le misure di integrazione dei cittadini senza fissa dimora, nell’ottica di una cultura orientata alla promozione dei diritti, all’inclusione e alla non discriminazione.

OBIETTIVO FINALE
Il progetto mira alla promozione di una cultura d’accoglienza passando attraverso azioni di sostegno ai soggetti disagiati, intervenendo sui bisogni primari e, soprattutto, lavorando in rete con Enti ed Istituzioni al fine di accompagnare e sostenere i diversi percorsi di integrazione. I volontari del SCN supporteranno le azioni programmate collaborando, a vari livelli con lo staff già impegnato.
Risultato atteso: miglioramento delle condizioni di vita e del livello di integrazione ed inclusione sociale degli ospiti dei Centri.
In coerenza col raggiungimento del presente obiettivo si verificherà l’andamento dei seguenti indicatori, rispondenti a criteri di specificità, misurabilità, accessibilità, rilevanza e pianificabilità temporale:

  •  n. di ospiti che hanno accesso ai servizi attivati;
  • n. di singoli cittadini e di nuclei familiari che hanno raggiunto un buon livello di integrazione sociale.

OBIETTIVI SPECIFICI

a. Miglioramento delle misure di prima accoglienza e assistenza di base (assistenza amministrativa e legale, accesso ai servizi sanitari e socio-assistenziali)

Risultato atteso: nella prima fase -immediatamente successiva all’arrivo- corretto espletamento per tutti gli utenti delle pratiche amministrative, accesso ai servizi socio-sanitari presenti sul territorio.

b. Incremento e miglioramento dei servizi di assistenza finalizzati all’integrazione lavorativa e sociale degli utenti dei servizi.

Risultato atteso: diminuzione dei tempi di permanenza al Centro e miglioramento della qualità del processo di integrazione economica e socio-lavorativa.

c. Sensibilizzazione, informazione e promozione sul territorio di una cultura dell’accoglienza e dell’inclusione.

Risultato atteso: aumento presso la comunità d’accoglienza della sensibilità e dell’interesse per le tematiche connesse alle nuove povertà; maggiore coinvolgimento e più attiva partecipazione degli ospiti del Centro alle attività culturali, sociali, di aggregazione proposte sul territorio da enti pubblici ed associazioni.

ATTIVITÁ D’IMPIEGO DEI VOLONTARI

L’attività dei volontari si svolgerà in maniera autonoma ed auto-gestita con il supporto degli Operatori Locali. Scopo del progetto è quello di promuovere l’auto-organizzazione delle varie risorse che concorderanno insieme i piani di attività a seconda delle differenti professionalità, stabilendo tempi e modalità di realizzazione. Nelle varie attività ai volontari impiegati viene data la responsabilità della realizzazione delle stesse, ciò è finalizzato ad una crescita e maturazione professionale che prevede necessariamente lo sviluppo di capacità organizzative e la messa a fuoco delle varie problematiche da affrontare. I volontari verranno supportati nel corso delle varie attività da un tutor che ne seguirà le scelte e le modalità organizzative.

In riferimento poi al ruolo dell’O.L.P., a questa figura è riservata un’attività di coordinamento e controllo delle attività, con conseguente verifica continua del grado di raggiungimento degli obiettivi.
Rispetto alla relazione di collaborazione con le figure presenti nel progetto sarà necessario un continuo interscambio con il consulente psicologo e il responsabile della struttura per monitorare le attività ed adeguarle alle reali necessità e/o variazioni che dovessero presentarsi. L’orario di servizio terrà in conto le esigenze delle attività e le disponibilità dei volontari cercando di ottimizzare il tempo dedicato. Dal punto di vista meramente quantitativo, la suddivisione dei compiti da assegnare agli specifici volontari, in ordine alla realizzazione delle attività del progetto, viene demandata agli OLP ed alle altre figure, in relazione alle caratteristiche del gruppo ed alle specifiche esigenze locali.

In ordine al raggiungimento degli obiettivi sono state individuate una serie di attività:

1) Attività di segreteria info:
– ascolto;
– valutazione della richiesta;

2) Attività di comunicazione on-line:
– lettura delle e-mail;
– valutazione del contenuto;
– risposta, se di competenza, o inoltro al referente;
– registrazione del contatto;

3) attività al front office comunicazione;
4) registrazione degli utenti;
5) comunicazione delle presenze alle autorità competenti;
6) assistenza agli ospiti;
7) attività legate alla gestione del centro (ad es. approvvigionamenti);
8) vigilanza;

Con queste attività sarà possibile garantire l’operatività del centro e allo stesso tempo avviare una serie di procedure che andranno ad implementare anche le altre attività.

9) creare un archivio degli ospiti;
10) creare, aggiornare e gestire un data base per la raccolta delle informazioni;
11) redazione di un questionario da sottoporre all’utenza e attività legate all’elaborazioni dei dati raccolti;
12) indagini statistiche sul territorio;
13) attivare uno sportello di informazione sulle tematiche relative al mondo del lavoro.

Con queste attività si vuole reperire il maggior numero di informazioni relative all’utenza non solo per avere una mappatura dei bisogni ma sopratutto per poter avviare, ove necessario, delle procedure di coinvolgimento di realtà terze che possano intervenire e collaborare nella soluzione di particolari problematiche e per poter avviare un processo di integrazione economica e socio-lavorativa.

14) individuare gli enti pubblici e privati coinvolti nelle attività sociali sul territorio di riferimento;
15) supportare la gestione dei contatti con gli Enti operanti nel territorio;
16) predisporre schede informative sulle attività degli enti e sui servizi erogati;
17) predisporre dossier per un veloce reperimento delle informazioni in evidenza;
18) data-entry per catalogare ed archiviare tutti i contatti sviluppati;
19) studio del contesto normativo ed istituzionale, rilevazione delle fonti normative e realizzazione di apposite schede informative;
20) valutare i dati in relazione alla pianificazione delle fonti integrative necessarie;
21) pianificare la divulgazione delle informazioni raccolte ed elaborate, nonché della facilitazione all’accesso alle stesse da parte degli utenti che ne facciano richiesta;
22) predisposizione di supporti informativi (brochure, volantini, depliant, ecc.);

Queste ultime attività sono dirette al potenziamento dei canali informativi: in questo modo viene garantita agli utenti la possibilità di avere notizie dei servizi e delle modalità di accesso agli stessi; l’attività di rete poi, andrà ad integrare e potenziare l’attività del centro intervenendo sulla persona e orientandola ad un percorso di integrazione con la comunità circostante.

Fonti di raccolta dati in ordine alla verifica degli indicatori saranno: statistiche preesistenti, raccolte dati ad hoc, raccolte sul campo, redazione di specifici report, customer satisfaction, etc..

CRITERI DI SELEZIONE

CONVOCAZIONE
La convocazione avviene attraverso il sito internet dell’ente con pagina dedicata contenente il calendario dei colloqui nonché il materiale utile per gli stessi (bando integrale; progetto; procedure selettive, etc.) .

SELEZIONE
Controllo e verifica formale dei documenti;
Esame delle domande e valutazione dei titoli con le modalità di seguito indicate e con i seguenti criteri di selezione che valorizzano in generale:

  • le esperienze di volontariato;
  • le esperienze di crescita formative;
  • le capacità relazionali;
  • l’interesse del candidato.

Valutazione dei titoli: massimo 50 punti.
Precedenti esperienze di volontariato: MAX 30 PUNTI.
Titoli di studio, esperienze aggiuntive e altre conoscenze: MAX 20 PUNTI.
Precedenti esperienze: massimo 30 punti
Periodo massimo valutabile per singola esperienza: 12 mesi.
MAX 12 PUNTI: Precedenti esperienze presso il GUS.
Coefficiente 1,00 (mese o frazione di mese superiore o uguale a 15 gg.).
MAX 9 PUNTI: Precedenti esperienze nello stesso settore del progetto c/o altri enti.
Coefficiente 0,75 (mese o frazione di mese superiore o uguale a 15 gg).
MAX 6 PUNTI: Precedenti esperienze presso il GUS in un settore diverso.
Coefficiente 0,50 (mese o frazione di mese superiore o uguale a 15 gg.).
MAX 3 PUNTI: Precedenti esperienze in altro settore c/o altri enti.
Coefficiente 0,25 (mese o frazione di mese superiore o uguale a 15 gg).
Titolo di studio: massimo 8 punti (si valuta solo il titolo più elevato).
Laurea (vecchio ordinamento oppure 3+2): 8 PUNTI
Laurea triennale: 7 PUNTI
Diploma scuola superiore: 6 PUNTI
Frequenza scuola media Superiore: FINO A 4 PUNTI (1 PUNTO PER OGNI ANNO CONCLUSO)
Titoli professionali: massimo 4 PUNTI (si valuta solo il titolo più elevato)
I titoli professionali sono quelli rilasciati da Enti pubblici o Enti di formazione professionale accreditati:
Titolo completo: 4 PUNTI
Non terminato: 2 PUNTI
Esperienze aggiuntive a quelle valutate: massimo 4 PUNTI
(per esempio: stage lavorativo, animatore di villaggi turistici, attività di assistenza ai bambini durante il periodo estivo, etc.)
Di durata superiore a 12 mesi: 2 PUNTI
Di durata inferiore a 12 mesi: 1 PUNTO
Altre conoscenze: massimo 4 PUNTI(si valuta 1 punto per ogni titolo, sino ad un massimo di 4) – per esempio: specializzazioni universitarie, master, conoscenza di una lingua straniera, informatica, musica, teatro, pittura, ecc…).
Attestati o autocertificati: 1 PUNTO

I candidati effettueranno, secondo apposito calendario pubblicato sul sito web del GUS, un colloquio approfondito su: servizio civile, progetto e curriculum personale (con particolare riguardo alle precedenti esperienze di volontariato e lavorative nel settore specifico del progetto e non), al fine di avere un quadro completo e complessivo del profilo del candidato, delle sue potenzialità, delle sue qualità e delle sua attitudini, oltre ad una breve autopresentazione da parte del candidato.

COLLOQUIO MAX 60 PUNTI

Il colloquio consiste in una serie di 10 domande, ognuna con punteggio da 0 a 60, riportate sul sito del GUS.

La somma di tutti i punteggi assegnati al set di domande diviso il numero delle domande dà come esito il punteggio finale del colloquio.
L’idoneità a partecipare al progetto di servizio civile nazionale viene raggiunta con un minimo di 36 PUNTI al colloquio

La fase di selezione è costantemente verificata da un Garante nominato dal responsabile del Servizio Civile Nazionale.

REDAZIONE E PUBBLICAZIONE DELLA GRADUATORIA FINALE
Al termine delle selezioni si procederà alla pubblicazione on-line della graduatoria.

CONDIZIONI DI SERVIZIO ED ASPETTI ORGANIZZATIVI:

Numero ore di servizio settimanali dei volontari: 30
Giorni di servizio a settimana dei volontari: 5
Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il periodo di servizio:
Realizzazione delle attività previste dal progetto anche in giorni festivi e prefestivi, coerentemente con le necessità progettuali.
Flessibilità oraria in caso di esigenze particolari.
Disponibilità alla fruizione dei giorni di permesso previsti in concomitanza della chiusura della sede di servizio (chiusure estive e festive).
Partecipazione a momenti di verifica e monitoraggio.
Frequenza di corsi, di seminari e ogni altro momento di incontro e confronto utile ai fini del progetto e della formazione dei volontari coinvolti, anche nei giorni festivi, organizzati anche dagli enti partner del progetto.
Eventuale realizzazione dei momenti di verifica al di fuori dell’Associazione.

Partecipazione a supporto di attività dell’Associazione e degli enti partner, anche in giorni prefestivi e festivi.
Disponibilità ad effettuare il servizio al di fuori della sede entro il massimo di 30 gg previsti Osservanza della riservatezza dell’ente e della privacy di tutte le figure coinvolte nella realizzazione del progetto.

Eventuali requisiti richiesti ai canditati per la partecipazione al progetto oltre quelli richiesti dalla legge 6 marzo 2001, n. 64:
Cultura media; buone conoscenze informatiche; buone capacità relazionali.
E’ titolo di maggior gradimento:

  • diploma di scuola media superiore;
  • pregressa esperienza nel settore specifico del progetto;
  • pregressa esperienza presso organizzazioni di volontariato;
  • buona conoscenza di una lingua straniera;
  • spiccata disposizione alle relazioni interpersonali e di gruppo;
  • capacità relazionali e dialogiche:
  • studi universitari attinenti.

SEDI DI SVOLGIMENTO e POSTI DISPONIBILI

Numero dei volontari da impiegare nel progetto: 4
Numero posti senza vitto e alloggio: 4

Sedi
ANCONA: 1 volontario
JESI: 2 volontari
SAN BENEDETTO DEL TRONTO: 1 volontario

CARATTERISTICHE CONOSCENZE ACQUISIBILI

Competenze e professionalità acquisibili dai volontari durante l’espletamento del servizio, certificabili e validi ai fini del curriculum vitae:
Durante l’espletamento del servizio, i volontari che parteciperanno alla realizzazione di questo progetto acquisiranno le seguenti competenze utili alla propria crescita professionale:

  • competenze tecniche (specifiche dell’esperienza vissuta nel progetto, acquisite in particolare attraverso il learning by doing accanto agli Olp e al personale professionale): segreteria, comunicazione on-line, front office, creare, aggiornare e gestire un database, redazione di un questionario, indagini statistiche sul territorio, gestione di uno sportello di informazione sulle tematiche relative al mondo del lavoro, studio del contesto normativo ed istituzionale, rilevazione delle fonti normative, predisposizione di supporti informativi (brochure, volantini, depliant, ecc.);
  • competenze cognitive (funzionali ad una maggiore efficienza lavorativa e organizzativa): capacità di analisi, ampliamento delle conoscenze, capacità decisionale e di iniziativa nella soluzione dei problemi (problem solving);
  • competenze sociali e di sviluppo (utili alla promozione dell’organizzazione che realizza il progetto ma anche di se stessi): capacità nella ricerca di relazioni sinergiche e propositive, creazione di reti di rapporti all’esterno, lavoro all’interno di un gruppo, capacità di mirare e mantenere gli obiettivi con una buona dose di creatività;
  • competenze dinamiche (importanti per muoversi verso il miglioramento e l’accrescimento della propria professionalità): competitività come forza di stimolo al saper fare di più e meglio, gestione e valorizzazione del tempo di lavoro, ottimizzazione delle proprie risorse.

Tali competenze, elaborate secondo gli standard europei delle UCF (Unità Formativa Capitalizzabile), sono riconosciute e certificate da TERZO MILLENNIO Laboratorio Sociale, nell’ambito di uno specifico accordo, relativo al presente progetto (in allegato).

FORMAZIONE SPECIFICA DEI VOLONTARI

Argomenti della formazione specifica:
Modulo obbligatorio di formazione e informazione sui rischi connessi all’impiego dei volontari nei progetti di servizio civile (n. 1 sessione formativa di n. 5 ore totali).

1° modulo (n. 3 sessioni formative di n. 5 ore ciascuna per un totale di n. 15 ore):

  • Elementi di legislazione sociale, i servizi sociali: organizzazione e tecniche;
  • Cenni sulla normativa in favore delle fasce sociali deboli;
  • Legislazione sulla privacy.

2° modulo (n. 4 sessioni formative di n. 5 ore ciascuna per un totale di n. 30 ore):

  • Elementi di psicologia;
  • Pedagogia sociale;
  • Processi e fenomeni della comunicazione interpersonale;
  • Profilo sociale e psicologico dell’utenza.

3° modulo (n. 3 sessioni formative di n. 5 ore ciascuna per un totale di n. 15 ore):

  • Tecniche delle mediazione culturale;
  • L’ascolto attivo;
  • Orientamento ai servizi presenti sul territorio.

4° modulo (n. 3 sessioni formative di n. 5 ore ciascuna per un totale di n. 15 ore):

  •  Tecniche di raccolta dati, creazione e gestione di data base;
  • Tecniche per la redazione di questionari;
  • Tecniche di comunicazione sociale e gestione ufficio stampa;
  • Utilizzo del linguaggio informatico

Durata: 80 ore

Scarica il progetto “La Casa delle Genti”

Check Also

Stampa

Asylum, dal 20 aprile il sondaggio online su dinamiche migratorie e accoglienza. Stay tuned!

Dal 20 aprile su www.gusitalia.it/asylum se hai meno di 30 anni potrai rispondere ad una serie di domande proposte dal sondaggio online promosso dal GUS nell’ambito del progetto AS.Y.LUM, finanziato nell’ambito del programma Erasmus Plus, che ha l’obiettivo di promuovere una riflessione approfondita sulle dinamiche delle migrazioni.