2:09:43 23 giugno 2017
Home » News » Le fiabe multietniche ad Arquata del Tronto con Andrea Satta i Têtes de Bois e le Mamme Narranti

Le fiabe multietniche ad Arquata del Tronto con Andrea Satta i Têtes de Bois e le Mamme Narranti

Share Button

Andrea Satta dei Tetes de Bois ad Arquata del Tronto dopo il Terremoto

Dalla periferia di Roma a Borgo di Arquata per raccontare fiabe ai bambini delle famiglie colpite dal terremoto, ospiti del campo della protezione civile. Il dottor Andrea Satta, che tutti qui chiamano semplicemente Andrea, e che il grande pubblico conosce come leader del gruppo Têtes de Bois, è arrivato fin qui con il suo progetto “Mamma quante storie!” per “creare momenti di intimità e calore tra queste persone che vivono una condizione difficilissima”, come spiega quasi sottovoce, “e possiamo farlo con le cose sappiamo fare meglio, cioè la musica e le parole”.

Mamma quante storie d’altra parte è nato proprio così a Roma Est, in zona Casilina. Un quartiere dove, “un po’ alla volta ho visto aumentare la disgregazione sociale: il pendolarismo, l’assenza di luoghi di incontro, hanno fanno il resto. Finché una sera di qualche anno fa, una mamma del Marocco, mi ha detto: sono in Italia da otto anni e ho solo le due amiche, le stesse con le quali sono partita. Mi sento sola”.

mammenarranti

Così Satta appende un cartello per promuovere un incontro per le mamme, italiane e straniere, per raccontarsi le storie con cui si addormentavano da piccole. Ricorda i pop corn e Coca Cola comprati insieme alla sorella, con lo scetticismo di chi pensa “non verrà nessuno”. Invece “il giorno stabilito c’era la fila, lunghissima, di mamme e bambini. Tutti con un piatto in mano: cous cous, biscotti palestinesi, bon bon del Belgio, frittate romene, schiacciate calabresi”. Quell’esperimento è diventato un libro edito da Treccani con le illustrazioni di Sergio Staino e Fabio Magnasciutti.

Ma soprattutto, quell’esperienza è stata portata ad Arquata da Andrea Satta, questo singolare pediatra con i capelli lunghi raccolti nel suo inconfondibile cappellino, e dai suoi Têtes de Bois (Carlo Amato al basso e chitarra, Luca De Carlo alla tromba e Alessandro D’alessandro all’organetto), con le mamme del suo ambulatorio, grazie ai promotori, Action Aid, Arci, Gus Italia, Comune di Valmontone, Acp e Treccani.

gus_actionaid_mammenarranti

Sono volate così due ore di grande divertimento per le bambine e i bambini che si sono ritrovati sotto al tendone della mensa insieme alle loro mamme, alcune delle quali hanno raccontato le fiabe che raccontano di solito ai loro piccoli, Hansel e Gretel, i tre Porcellini, accanto a quelle della mamma palestinese e della mamma marocchina tradotta dalla figlia nata in Italia. “La favola ha una fortissima valenza di intimità”, conclude il dottor Satta, “ma la cosa più sorprendente è quanto, da un capo all’altro del mondo, le storie si somiglino, e ci facciano sentire più vicini e solidali gli uni con gli altri“.


In questa situazione di drammatica emergenza, il GUS si è subito mobilitato per prestare soccorsi immediati e valutare i bisogni delle popolazioni vittime del sisma ed ha attivato Centri di Ascolto e di Sostegno Psicologico ed unità mobili a Pescara del Tronto e Castelsantangelo sul Nera.

Con il tuo contributo possiamo fare molto di più per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto. 

Dona Ora

Con bonifico bancario:

G.U.S. GRUPPO UMANA SOLIDARIETA’ G.PULETTI ONLUS IBAN: IT66Y0335901600100000131559
Causale: Emergenza Terremoto Centro Italia

Check Also

Stampa

Asylum, dal 20 aprile il sondaggio online su dinamiche migratorie e accoglienza. Stay tuned!

Dal 20 aprile su www.gusitalia.it/asylum se hai meno di 30 anni potrai rispondere ad una serie di domande proposte dal sondaggio online promosso dal GUS nell’ambito del progetto AS.Y.LUM, finanziato nell’ambito del programma Erasmus Plus, che ha l’obiettivo di promuovere una riflessione approfondita sulle dinamiche delle migrazioni.