mercoledì, 21 novembre 2018 | 9:29:42

Il corto “Ius maris” con i migranti beneficiari dei progetti GUS in Salento alla 75ª Mostra del Cinema di Venezia

Ius_Maris_Venezia

VENEZIA, 01/09/2018 – “Ius maris”, il nuovo cortometraggio diretto dal regista Vincenzo D’Arpe, scritto da Simona Toma e prodotto da Fluid Produzioni di Davide Barletti, con la fotografia di Giorgio Giannoccaro, il montaggio di Mattia Soranzo e la colonna sonora di Tobia Lamare sarà in concorso per il “Premio MigrArti” nell’ambito della 75a Mostra d’Arte Cinematografica di Venezia.

Il cortometraggio sarà proiettato il 2 e 3 settembre al Lido di Venezia presso il cinema Astra, mentre la premiazione si terrà lunedì 3 settembre presso la Sala Tropicana dell’Hotel Excelsior sempre al Lido di Venezia alle ore 13.30.

Il lavoro, con la partnership di Next Generation Italy, GUS Gruppo Umana Solidarietà e Surfinsalento, con il patrocinio dell’Ambasciata del Regno del Marocco, ha vinto la terza edizione del bando MigrArti Cinema 2018 del MIBACT e il contributo dell’Apulia Film Fund 2017, narra la storia di Yassine, un ragazzo nato e cresciuto a Lecce da genitori marocchini che vive, come tutte le ragazze e tutti i ragazzi di seconda generazione, a cavallo tra due culture, senza il conforto di una reale integrazione.

Attraverso il mare e il surf, però, questo processo di integrazione arriverà a compimento e Yassine diventerà l’animatore di un surf camp, frequentato da gente di tutte le razze e religioni.

Il film si intitola IUS MARIS proprio in contrapposizione allo IUS SOLI, al diritto di cittadinanza negato e che, invece, in mare trova la sua realizzazione.

Il GUS, partner del progetto, ha visto alcuni dei migranti beneficiari dei suoi progetti Sprar dell’Unione dei Comuni di Acaya e Roca partecipare alle riprese come comparse.

Check Also

Cultura_Mondo_GUS

Cultura Mondo, artisti e intellettuali nel Salento per un’etica della convivenza

Il progetto intende dar vita ad un modello culturale e sociale nel quale la molteplicità delle culture, lungi dal trasformarsi in elemento di disgregazione, diventi sorgente feconda di liberazione umana integrale.