Il GUS è accanto a tutti i Sacko Soumaila che lottano per scrivere una Storia diversa

Un momento del sit-in di protesta a Napoli a seguito dell'omicidio di Soumaila Sacko, migrante maliano di 29 anni, uccisio a colpi di fucile a San Calogero (Vibo Valentia) 4 giugno 2018. ANSA/ CIRO FUSCO

È morto un uomo a San Calogero in Calabria, o meglio è stato ucciso un uomo, sparato a distanza dal tiro di un fucile, colpito con precisione per essere finito. Non è il primo che muore in Calabria e non è il primo ammazzato tra i lavoratori sfruttati nei campi di raccolta, nei luoghi del caporalato, negli spazi nascosti dalla realtà mediatica, dove ciò che mangiamo viene coltivato e curato e raccolto da persone senza cura e senza diritti.

Potremmo tacere anche stavolta e continuare a dare il nostro contributo in silenzio, ma riteniamo che questi fatti siano troppo gravi e sentiamo il dovere di parlare partendo dall’idea che anche con le parole si costruisce il mondo e forse questo “nostro Mondo” ha bisogno di essere raccontato con forme più generose e sicure rispetto a quelle violente e respingenti che lo caratterizzano.

L’uomo si chiamava Sacko Soumaila, era un giovane maliano, bracciante agricolo e attivista sindacale: uno degli sfruttati che – ogni tanto accade – alza la testa e si ribella. E inizia una lotta impari contro lo sfruttamento del lavoro nero, contro la schiavitù e la violenza di certi inferni in terra nostra. Contro il cannibalismo del mercato affamato di moltiplicare prodotto e profitto.

Il GUS esprime la più forte solidarietà verso tutti coloro che, senza mezzi, provano a costruire un’alternativa e provano a dare un respiro di umanità nei luoghi di nessuno, dove la povertà è il primo strumento di dipendenza e di schiavismo. In quei campi transitano senza riposo molti uomini con protezione internazionale o nel pieno diritto di averla, pertanto sentiamo che, nella differenza dei mandati professionali, non possiamo non considerare la trasversale umanità che tutto attraversa e che deve attraversare anche noi. Il GUS oggi più che mai sostiene la parola dei migranti che dopo l’omicidio del giovane maliano si alza collettiva e si fa protagonista.

L’incedere di una narrazione tossica, caratterizzata da pregiudizi e stereotipi che alimentano una guerriglia mediatica mirata a distrarre e a difendere un confine artificiale ridicolo; lo stravolgimento dei significati e delle collocazioni tra buono e cattivo e tra giusto e sbagliato; la riscrittura asfittica e neocoloniale della storia dei popoli, sono tutti elementi che rifiutiamo e che non tolleriamo. A tutto questo rispondiamo con la nostra costante presenza sui territori, con il nostro essere a fianco dei gruppi istituzionali e informali che hanno fatto della libertà e del diritto la propria bandiera. Lì siamo noi, cercando parole altre, per provare a scrivere una storia diversa, in cui uno sfruttato possa essere tutelato e possa denunciare senza chiedere permesso. Dove la legge funzioni davvero e lo Stato possa essere costituzionalmente protettivo nei confronti di tutti, indipendentemente dalla provenienza, dal colore, dalla lingua, dallo status o da qualsiasi altra variazione possibile.

Di tutte le categorie quella che tutte contiene è l’umanità: facciamo in modo che riacquisti il suo senso.

📷 ANSA/ CIRO FUSCO

Check Also

Ore3e36 Terremoto GUS

Ore 3.36: un anno del GUS accanto alle famiglie colpite dal terremoto in cifre, immagini e impressioni

Quasi 500 mila euro provenienti da tutta Italia e veicolati alle famiglie e agli allevatori colpiti dal terremoto tramite il GUS Gruppo Umana Solidarietà, una delle prime associazioni mobilitate fin dal 24 agosto 2016 in molti comuni del cratere, da Arquata del Tronto ai comuni dell’Alto maceratese.