giovedì, 18 ottobre 2018 | 23:02:24

Il GUS dalla parte di Mediterranea

Mediterranea Save Humans

Il GUS Gruppo Umana Solidarietà è dalla parte di Mediterranea e di chi continua quotidianamente in ciò che è giusto.

Perché riteniamo giusto salvare vite umane, quelle stesse vite che non smettono di cercare un futuro migliore, anche se smettono di essere numeri buoni per quella vergognosa percentuale ipocritamente in ribasso: “gli sbarchi sono diminuiti”, sentiamo ripetere da chi governa questo Paese. Ma a quella diminuzione corrisponde un aumento dei morti in mare. A quella diminuzione corrisponde un abbassamento del livello di umanità di chi, indifferente a tutto, è ormai incapace di distinguere il bene dal male, ciò che è giusto fare da ciò che è abominevole.

Ma l’Italia è anche un’altra. L’Italia è anche quella delle ragazze e dei ragazzi che sono pronti per vincere la sfida di Mediterranea e con gli occhi aperti nella notte triste si imbarcano sulla nave battente bandiera tricolore con la voglia di cambiare davvero le cose al di là della sterile indignazione da social-patici.

Il GUS, da venticinque anni impegnato nella cooperazione internazionale e nell’accoglienza dei profughi e richiedenti asilo è dalla loro parte, e dalla parte di chi promuove un mondo nuovo fatto di uguaglianza. Perché il nostro impegno e la nostra azione hanno come riferimento il principio dell’universalità dei diritti e delle libertà. Continuiamo, tutti, in ciò che è giusto.

 

“Mediterranea è una piattaforma di realtà della società civile arrivata nel Mediterraneo centrale dopo che le ONG, criminalizzate dalla retorica politica senza che mai nessuna inchiesta abbia portato a una sentenza di condanna, sono in gran parte state costrette ad abbandonarlo.

Mediterranea ha molte similitudini con le ONG che hanno operato nel Mediterraneo negli ultimi anni, a partire dall’essenziale funzione di testimonianza, documentazione e denuncia di ciò che accade in quelle acque, e che oggi nessuno è più messo nelle condizioni di svolgere.

Al tempo stesso, Mediterranea è qualcosa di diverso: un’ “azione non governativa” portata avanti dal lavoro congiunto di organizzazioni di natura eterogenea e di singole persone, aperta a tutte le voci che da mondi differenti, laici e religiosi, sociali e culturali, sindacali e politici, sentono il bisogno di condividere gli stessi obiettivi di questo progetto, volto a ridare speranza, a ricostruire umanità, a difendere il diritto e i diritti.

Quella di Mediterranea è un’azione di disobbedienza morale ma di obbedienza civile. Disobbedisce al discorso pubblico nazionalista e xenofobo e al divieto, di fatto, di testimoniare quello che succede nel Mediterraneo; obbedisce, invece, alle norme costituzionali e internazionali, da quelle del mare al diritto dei diritti umani, comprese l’obbligatorietà del salvataggio di chi si trova in condizioni di pericolo e la sua conduzione in un porto sicuro se si dovessero verificare le condizioni.

“A partire da un nucleo promotore di cui fanno parte associazioni come l’ARCI e Ya Basta Bologna, ONG come Sea-Watch, il magazine on line I Diavoli, imprese sociali come Moltivolti di Palermo, vogliamo costruire, dal centro del Mediterraneo, un nuovo spazio possibile: aperto, solidale e fondato sul rispetto della vita umana”.

Il lavoro dei promotori è stato solo il primo passo: tanti incontri e confronti sul progetto sono in corso con realtà del mondo cattolico, dell’associazionismo laico e del volontariato, con rappresentanti degli spazi sociali, con parlamentari nazionali ed europei, con sindaci di importanti città in Italia e in Europa.

Mediterranea ha deciso di mettere in mare una nave battente bandiera italiana, attrezzata perché possa svolgere un’azione di monitoraggio e di eventuale soccorso, nella consapevolezza che oggi più che mai salvare una vita in pericolo significa salvare noi stessi.

L’obiettivo principale è essere dove bisogna essere, testimoniare e denunciare ciò che accade e, se necessario, soccorrere chiunque rischi di morire nel Mediterraneo Centrale, come impongono tutte le norme vigenti.

Mediterranea lavora anche a terra, attraverso la costruzione di una rete territoriale di supporto. Una vera “piattaforma” di connessione sociale tra realtà esistenti e singoli che vogliono partecipare a questa impresa. A Mediterranea si può aderire in qualsiasi momento, ognuno dei suoi sostenitori diventa automaticamente un promotore dell’iniziativa.

La rete delle città rifugio, o città dell’accoglienza, è un interlocutore naturale del progetto. Le città europee ed italiane che hanno sviluppato buone pratiche di accoglienza e che si battono per impedire che la chiusura dei loro porti diventi la causa di una strage continua sono la risposta più efficace, razionale ed importante alle politiche irrazionali e spesso illegali dell’Italia e dell’Europa in materia di diritto di asilo, rispetto dei diritti umani, obbligo di salvataggio e soccorso delle persone che rischiano la propria vita.
Mediterranea cura rapporti di collaborazione preziosa con le principali ONG che svolgono attività di Search and Rescue nel Mar Mediterraneo, avvalendosi in particolare della collaborazione di Sea-Watch e Proactiva Open Arms.

Mediterranea è un progetto possibile anche grazie a Banca Etica, che ha concesso il prestito per poter avviare la missione. Banca Etica supporta inoltre le attività di crowdfunding e ha svolto attività di tutoraggio per gli aspetti economici dell’intera operazione.

🖱 Mediterranea

 

Check Also

Daby Sekou Immigrati sparati Caserta Salvini Salvini

Dalla parte di Daby e Sekou e del Centro sociale Ex Canapificio di Caserta. Senza però

Il presidente del GUS Gruppo Umana Solidarietà Paolo Bernabucci si è messo in contatto con i coordinatori del progetto Sprar esprimendo la vicinanza di tutta l’associazione per l’assurdo episodio di violenza.