venerdì, 24 novembre 2017 | 6:24:16

GUS e Specchio dei tempi in Messico per ricostruire il futuro dei giovani studenti di Puebla

Terremoto_Puebla_Messico_GUS_06

TOCHIMILCO (Messico) 7/10/2017 – GUS e Specchio dei tempi in Messico, nello stato di Puebla, epicentro del sisma di magnitudo 7.1 del 20 settembre scorso che ha provocato oltre 200 vittime.

I riflettori mediatici si sono spenti rapidamente sulla tragedia che ha colpito la parte meridionale del Messico il 20 settembre scorso. Ma il devastante sisma messicano sarà ricordato come quello della strage dei bambini, colpiti proprio mentre erano negli edifici scolastici durante le lezioni.

Terremoto_Puebla_Messico_GUS_04

La nostra attenzione non è mai calata, anzi. Per questo con la Fondazione La Stampa Specchio dei tempi siamo a Puebla, regione che si trova a 120 chilometri a sud-est di Città del Messico, dove molti edifici sono crollati o sono rimasti gravemente lesionati. Qui è stato riscontrato il maggior numero di scuole danneggiate e l’intervento di Specchio dei tempi  e GUS è mirato proprio per far sì che i giovani studenti messicani possano tornare presto a costruire il proprio futuro lasciandosi rapidamente alle spalle questa tragedia.

Angelo Conti di Specchio dei tempi con Letizia Bellabarba del GUS sono da qualche giorno nella regione messicana colpita dal sisma, e da ieri sono a Tochimilco dove si trova la scuola individuata per la ristrutturazione a seguito del sisma. Qui hanno già incontrato la coordinatrice scolastica  regionale e il sindaco i rappresentanti del municipio per coordinare le varie fasi dell’intervento sull’edificio scolastico.

Terremoto_Puebla_Messico_GUS_01

Check Also

Gus, Mirror Of Peace, Kurdistan, Yazidi

Kurdistan, il progetto “Mirror of Peace” di GUS e Specchio dei tempi va avanti nonostante le ritorsioni dell’Iraq dopo il referendum per l’indipendenza

L’operatore GUS Francesco Marilungo a Erbil per l’apertura del Children’s friendly space, nell’ambito della missione Mirror Of Peace è rientrato in Italia dopo il blocco degli aeroporti a seguito del referendum per l’indipendenza. Il suo racconto e la sua promessa: torneremo presto nel Kurdistan iracheno.