Incontro di preghiera per la Pace – Praying for peace

Lunedì 12 gennaio 2015

ore 18.00

Villaggio Don Bosco – Formia

 

Dialogo inter-religiosoIl Gruppo Umana Solidarietà “Guido Puletti” e l’associazione Insieme, immigrati in Italia, invitano le associazioni, le scuole, tutti i concittadini e le autorità di Formia ad un incontro inter-religioso  per la pace.

L’appuntamento è al Villaggio Don Bosco, il primo luogo dove la comunità formiana ha accolto i richiedenti asilo ospitati in città.

Questo gruppo, che da quasi un anno si è inserito silenziosamente tra noi, vorrebbe oggi esprimere la sua tristezza per i fatti di Parigi.

Ma insieme alla tristezza, sente il desiderio di esprimere ad alta voce che nessun Dio può mai giustificare la violenza tra gli uomini.

Questi giovani hanno sentito il bisogno oggi di fermarsi e di aprire il cuore nel modo più profondo che conoscono: con la preghiera, ognuno nella sua lingua, e traendo le parole dai Testi Sacri, i cui valori profondi sono comuni alle diverse religioni, ma anche ai laici.

E ci invitano a partecipare, tutti, per ricordare assieme che un mondo più ostile, o più unito e più in pace, comincia proprio sotto casa. Pur nella diversità, siamo certamente uniti dal rifiuto della violenza, e nella difesa di tutti coloro che si impegnano per diffondere i valori della pace e della solidarietà universale.

L’incontro sarà animato da Don Mariano, del Villaggio Don Bosco, e dal giovane Imam Suleymane Diawara, ospitato a Formia nel programma di accoglienza per richiedenti protezione internazionale.

I nostri traduttori permetteranno a tutti i partecipanti di esprimersi nella loro lingua per la lettura dei testi scelti.

Check Also

GUS, Vetrata sfondata

Dalle minacce alla violenza: mattoni contro la vetrata dell’ufficio del GUS

Alle tre di pomeriggio, in pieno orario di lavoro, una o più persone hanno attaccato la sede del GUS di Piazza Mazzini. Un gesto che, si alimenta delle falsità, insinuazioni e calunnie di questi mesi e che trova protezione e silenzi accordanti nei troppi “se” e nei troppi “ma”.