Dalle minacce alla violenza: mattoni contro la vetrata dell’ufficio del GUS

GUS, Vetrata sfondata

MACERATA, 26/02/2018 – Alle tre di pomeriggio, in pieno orario di lavoro, una o più persone hanno attaccato la sede del GUS di Piazza Mazzini. Un gesto che, si alimenta delle falsità, insinuazioni e calunnie di questi mesi e che trova protezione e silenzi accordanti nei troppi “se” e nei troppi “ma”.

Un’azione violenta contro chi si occupa di accoglienza e integrazione ed è da mesi sotto il mirino di chi soffia sul fuoco per ottenere un facile tornaconto elettorale, qualche decimale di share e dei click sui social network.

Da mesi il GUS è oggetto di polemiche e di attacchi strumentali, in particolare dopo i fatti di cronaca accaduti a Macerata. Vogliamo ripeterlo con forza e fermezza: il GUS è un’associazione che crede nella pace e nel dialogo, e non si fermerà di fronte ad un gesto violento e vigliacco. Continuiamo in ciò che è giusto, senza “indugi”.

Check Also

Un momento del sit-in di protesta a Napoli a seguito dell'omicidio di Soumaila Sacko, migrante maliano di 29 anni, uccisio a colpi di fucile a San Calogero (Vibo Valentia) 4 giugno 2018. ANSA/ CIRO FUSCO

Il GUS è accanto a tutti i Sacko Soumaila che lottano per scrivere una Storia diversa

L’uomo si chiamava Sacko Soumaila, era un giovane maliano, bracciante agricolo e attivista sindacale: uno degli sfruttati che - ogni tanto accade - alza la testa e si ribella.