Ricordando Guido Puletti a 25 anni dal suo assassinio

Guido Puletti

Il 29 maggio di 25 anni fa veniva ucciso Guido Puletti. Una vita da giornalista fatta di impegno politico e attivismo che gli sono costati anche prigione e torture in Argentina, il paese dove era nato.

Dopo la liberazione si è rifugiato in Italia, a Brescia e qui ha continuato la sua attività di giornalista accanto all’impegno sociale per i diritti umani.

Allo scoppio della guerra in Jugoslavia è già attivo nei movimenti di opposizione alla guerra e partecipa alla Marcia dei 500 a Sarajevo, organizzata dai Beati Costruttori di Pace. La guerra che sta distruggendo i paesi dell’ormai ex Jugoslavia diventa centrale nel suo lavoro di giornalista, così come nel suo impegno umanitario.

Nel ’93 ritorna più volte in Bosnia e il 29 maggio mentre sta portando a termine un progetto di solidarietà destinato alle città di Vitez e di Zvidovici il suo convoglio viene assalito vicino a Gornji Vakuf dai “Berretti Verdi” del comandante Hanefija Prijc, detto “Paraga”.

Puletti viene fatto scendere insieme ad altri quattro volontari e scortato a una vicina radura per essere fucilato. Con lui muoiono Sergio Lana, studente di 21 anni di Gussago, e Fabio Moreni imprenditore cremonese di 40 anni.

La nostra organizzazione è intitolata a questa figura, esempio di impegno sociale, pacifismo, solidarietà e soprattutto grande umanità.

Check Also

Ore3e36 Terremoto GUS

Ore 3.36: un anno del GUS accanto alle famiglie colpite dal terremoto in cifre, immagini e impressioni

Quasi 500 mila euro provenienti da tutta Italia e veicolati alle famiglie e agli allevatori colpiti dal terremoto tramite il GUS Gruppo Umana Solidarietà, una delle prime associazioni mobilitate fin dal 24 agosto 2016 in molti comuni del cratere, da Arquata del Tronto ai comuni dell’Alto maceratese.