Si Amo Afrin: al via la raccolta fondi per il popolo del Rojava

Banner Si Amo Afrin

Mercoledì 25 aprile, giorno di celebrazione della Resistenza, parte “SìAmo Afrin” la campagna per sostenere la resistenza del popolo di Afrin, il cantone del Rojava a nord est della Siria che da gennaio è sotto l’attacco dell’operazione “Ramoscello d’Ulivo” scatenato dal governo turco insieme a truppe dell’Isis. Un’azione bellica che ha costretto 450mila persone ad abbandonare le proprie case per rifugiarsi in campi profughi di fortuna.

Il GUS è tra i soggetti promotori della campagna “Si Amo Afrin” che si svolgerà nelle piazze di tante città italiane e su scala internazionale.

Oltre alla raccolta fondi rivolta all’aiuto umanitario, SiAmo Afrin vuole anche essere un atto di protesta per il silenzio con cui la comunità internazionale e i governi sono rimasti a guardare l’attacco ad Afrin e le drammatiche condizioni in cui versano le donne e gli uomini coinvolti.

PER DONARE

EFFETTUA UN BONIFICO BANCARIO ALL’IBAN:
IT 83 Q 05018 02600 000016709206
Causale “Si Amo Afrin”

Oppure clicca qui:

http://l2l.it/siamoafrin

Scarica il logo disegnato da Zerocalcare e usalo come avatar sui canali social e sul profilo Whatsapp e Telegram!

Logo_SiAmoAfrin_Avatar

Check Also

Un momento del sit-in di protesta a Napoli a seguito dell'omicidio di Soumaila Sacko, migrante maliano di 29 anni, uccisio a colpi di fucile a San Calogero (Vibo Valentia) 4 giugno 2018. ANSA/ CIRO FUSCO

Il GUS è accanto a tutti i Sacko Soumaila che lottano per scrivere una Storia diversa

L’uomo si chiamava Sacko Soumaila, era un giovane maliano, bracciante agricolo e attivista sindacale: uno degli sfruttati che - ogni tanto accade - alza la testa e si ribella.