“Un mondo a colori”, un’iniziativa del GUS Formia

“Un mondo a colori”

Sala Ribuad del Comune di Formia

Via Vitruvio, 190 – Formia

Sabato 12 Dicembre 2015 – dalle ore 9.30 alle ore 12.30

 

Nell’ambito di una progettazione con le scuole della città di Formia, il GUS con i beneficiari dei progetti realizzati a Formia ha partecipato con l’Istituto Comprensivo “Dante Alighieri” al progetto “Scuola e Volontariato”, incentrato sulla tematica dell’integrazione.

In particolare, il GUS Formia ha collaborato insieme l’Istituto Comprensivo “Dante Alighieri”, all’Associazione Insieme Immigrati in Italia e ai Centri di Servizio per il Volontariato CESV e SPES alla realizzazione dell’iniziativa “Un mondo a colori” che si terrà il 12 dicembre presso la Sala Ribuad del Comune di Formia, in Via Vitruvio, 190.

Tre i momenti più significativi dell’iniziativa. La mostra in cui saranno presentati i lavori e i materiali prodotti dai nostri beneficiari insieme agli alunni di tre classi del 1°, 2° e 3° anno di scuola media dell’Istituto Comprensivo “Dante Alighieri” durante i laboratori didattici che si sono svolti nel mese di novembre e dicembre: le cosiddette “carte d’identità”, una serie di documenti e materiali che raccolgono le informazioni, le testimonianze, gli elementi tipici delle tradizioni dei Paesi e della cultura dei nostri beneficiari, le loro storie e le ragioni che li hanno spinti a lasciare il proprio paese, così come le enormi difficoltà che hanno dovuto affrontare durante il lungo viaggio verso l’Italia.

I nostri ragazzi e gli alunni saranno inoltre i protagonisti di una emozionante performance teatrale in cui canteranno e interpreteranno 3 canzoni tipiche della cultura africana e una canzone italiana e una nenia in napoletano del ‘700. Infine, una giovane messicana si esibirà un ballo tipico latino americano che coinvolgerà con il ritmo tipico messicano tutti i partecipanti.

 

Check Also

GUS, Vetrata sfondata

Dalle minacce alla violenza: mattoni contro la vetrata dell’ufficio del GUS

Alle tre di pomeriggio, in pieno orario di lavoro, una o più persone hanno attaccato la sede del GUS di Piazza Mazzini. Un gesto che, si alimenta delle falsità, insinuazioni e calunnie di questi mesi e che trova protezione e silenzi accordanti nei troppi “se” e nei troppi “ma”.