domenica, 23 settembre 2018 | 1:11:58

Se chiudi col razzismo ti si apre un mondo, il GUS aderisce alla campagna dell’UNAR

se-chiudi-banner-def-2 (450x201)

 

“Se chiudi col razzismo ti si apre un mondo”, il GUS aderisce alla campagna dell’UNAR

 

In occasione della Giornata mondiale per l’eliminazione delle discriminazioni razziali che si celebra il 21 marzo, il Gus partecipa alla X settimana contro il razzismo e aderisce alla campagna “Se chiudi col razzismo ti si apre un mondo” promossa dall’UNAR, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Dipartimento per le Pari Opportunità, attraverso diverse iniziative.

 

Giovedì 20 marzo alle ore 20.30 a Sambucheto, in occasione della partita della squadra “Extravaganti” del GUS, composta da ragazzi rifugiati e richiedenti protezione internazionale ospiti dei progetti del GUS, contro la squadra “Pericolosa” all’interno del campionato amatoriale del CSI, le due squadre entreranno in campo con uno striscione arancione, colore simbolo della campagna.

 

Venerdì 21 l’OppStore di Jesi del Gus si tingerà di arancione come il Centro Culturale Silos ad Ancona che ospiterà due serate musicali venerdì e sabato.

 

Per ampliare la partecipazione e la diffusione della campagna, i social network, il sito web e tutte le mail dei collaboratori del Gus saranno caratterizzati dal logo della campagna.

 

Quotidianamente il GUS attraverso l’impegno, il lavoro e la passione dei suoi operatori realizza attività e iniziative volte alla promozione del dialogo interculturale e dell’integrazione – dichiarano dal Gus – quali reali strumenti per combattere ogni forma di razzismo e di discriminazione.

 

Facciamo un appello a tutti i cittadini e alle amministrazioni locali di aderire alla campagna indossando ed esponendo dalle finestre delle abitazioni e degli uffici qualcosa di arancione il 21 marzo.

 

Check Also

Daby Sekou Immigrati sparati Caserta Salvini Salvini

Dalla parte di Daby e Sekou e del Centro sociale Ex Canapificio di Caserta. Senza però

Il presidente del GUS Gruppo Umana Solidarietà Paolo Bernabucci si è messo in contatto con i coordinatori del progetto Sprar esprimendo la vicinanza di tutta l’associazione per l’assurdo episodio di violenza.